Copyright

Dopo innumerevoli miei scritti trovati in rete voglio ricordarvi che il plagio è un reato e che in base alla legge sul diritto d'autore il contenuto di questo blog non può essere riprodotto. Eventuali citazioni sono consentite solo dopo aver contattato l'autore, solo a condizione che ne venga chiaramente citata la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali, e che non venga alterato o trasformato. La maggior parte delle foto sono prese in rete, se ne siete proprietari e volete farle eliminare, contattatemi. Licenza Creative Commons I racconti erotici di Vuerre by Vuerre is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

domenica 28 agosto 2011

Ti lavo io




Mi spogli piano, come fossi una bambina, prima la camicetta, poi la gonna… i vestiti cadono sulle mattonelle del bagno, i miei e i tuoi uno sull’altro sembrano fare l’amore sul pavimento.

Entri anche tu nella doccia, l’acqua scorre sui nostri corpi lavando via la fatica e il sudore di una serata piacevole ma afosa… prendi la spugna e cominci ad insaponarmi il collo, poi scendi sul seno e risali… io piego la testa e mi lascio risciacquare dall’acqua tiepida… ora mi giri, la spugna scivola dalla schiena al solco tra le natiche dove insiste più a lungo… avverto le tue dita che mi sfiorano, scorrono liquide come l’acqua tiepida, umide dei miei umori… mi apri, allarghi la mia rosa di carne infilandone dentro uno… poi due… poi percepisco la tua cappella dura farsi strada … lentamente…. Appoggio le palme sulle mattonelle bagnate mentre tu affondi dentro di me.

Chiudi l’acqua ora, voglio ascoltare il suono dei nostri corpi


8 commenti:

  1. Lavami tu. Seduta sul bidet mi chiese che facessi io. Avevamo appena fatto sesso ed eravamo in bagno. Ero appena uscito dalla doccia e mi stavo asciugando. Lavami tu. Fui sorpreso ma mi piacque quell'invito. Carezzare col sapone è diverso. Le labbra si svolgevano fra le dita rivelando le loro pieghe, ora ben aperte, ad una esplorazione che lasciava nella mente sensazioni e visioni di una fica felice, attiva e vogliosa. La esplorai tutta per bene, dentro e fuori con calma come voleva lei. Non feci nulla per eccitarla. Non serviva. Lei lo era sempre. Mi interessava più scoparla. Quelle sensazioni non sono sostituibili da niente altro. Il resto sono solo varianti e distrazioni. Ma nulla altro da le stesse sensazioni di una fica vogliosa e forte intorno ad un pene bene disteso.

    RispondiElimina
  2. bello! qui è successo esattametne il contrario, è stato lui che mi ha detto: Ti lavo io. Bella la fica felice! e si la sensazione dell'esplorare con il sapone è particolare...
    grazie di avermi letto e del bel commento

    RispondiElimina
  3. Merci Monsieur per avermi letto

    RispondiElimina
  4. Ti leggo spesso, anche se non sempre commento

    RispondiElimina
  5. a volte, sotto la doccia mi limito a lavarle solo i capelli...senza eccitarla per poi poterle chiedere di poter bere la sua doccia dorata..non sempre ma a volte ci riesco.
    r

    RispondiElimina
  6. c'è stato anche un tentativo in tal senso da parte di tutti e due... ;-)

    RispondiElimina

tdx